Copywriting pagina lavoro

La pagina Jobs più bella che io abbia mai letto (analisi e consigli)

novembre 3rd, 2014 Posted by Copywriting 2 comments

La vera essenza di un brand la trovi non tanto quando il brand parla di sé, ma quando il brand parla con te. E una delle pagine in cui il brand parla con te è quella in cui ti chiede se vuoi lavorare per lui.

Qualche tempo fa sono capitata nel sito di Percolate, una rinomata piattaforma di content marketing. L’ho navigato e ho ormeggiato a lungo nella pagina “Jobs”. Qui ho trovato un copywriting pensato, scritto, editato per il lettore.

Guarda che lavoro certosino.

Tutto inizia dalla Reason Why

Reason Why Percolate
Nell’header della pagina Jobs, assieme a un’immagine del team Percolate (ti prego, nota l’espressione della ragazza con gli occhiali sulla destra) che subito dà il benvenuto, campeggia la reason why: “Definisci il futuro del brand marketing”. Perché dovresti lavorare con Percolate? L’azienda te lo dice immediatamente.

Più in basso, due righe e un mozzone di testo. Una mission tanto breve quanto onesta, del tutto lontana da quelle presentazioni altisonanti e snob che molti brand sfoggiano con orgoglio.

Semplicità, schiettezza, autenticità: Percolate si fa piacere dalle prime righe.

Le posizioni aperte (per te)

Pagina Lavora con noi Percolate
Un bravo copywriter sa pesare bene tutte le parole. Un bravo copywriter sa che aggiungerne anche solo due piccine picciò può fare una grande differenza. Il copywriter di Percolate è evidentemente un bravo copywriter.

“We have 42 job openings for you“: è quel “for you” a fare la differenza e a rendere il messaggio carico di empatia.

I valori dell’azienda

Valori azienda
Percolate non si accontenta di comunicarti, anche qui con estrema chiarezza, i suoi valori (in tutto 4). Sceglie di dar voce ai suoi dipendenti, con blog post che raccontano la loro esperienza lavorativa in azienda. It’s social proof, baby!

Tutti i benefici

Benefit azienda
Dalla pagina Jobs, ho provato a cliccare su una posizione: Content Marketing Manager. Anche questa pagina, così come quella madre, mantiene lo stesso taglio, lo stesso tone of voice: in questo modo il lettore – nonché potenziale candidato – non si sente spaesato.

Il copywriting trasmette la coerenza di un brand; per questo ogni pagina del sito aziendale dovrebbe parlare la stessa lingua. Un copywriting disomogeo rischia di destabilizzare il lettore e quindi far perdere il brand di credibilità.

Dopo aver comunicato mission, valori, job opening e dopo aver dato voce ai suoi dipendenti (tecnica a cavallo tra social proof e storytelling), Percolate non si dimentica di comunicare tutti i benefit riservati ai nuovi assunti.

I testi dei box dedicati ai benefit aziendali voglio analizzarli per benino. Ecco cosa noto:

  • Ripetizione di “you”: lo you-centism è un ottimo modo per far capire che l’azienda sta parlando con te, e non (solo) di sé. Prova a leggere i testi istituzionali della maggior parte dei brand; noterai l’uso ossessivo di “noi”, “nostro”, “nostri”. Un passo per migliorare il copywriting di queste pagine sarebbe togliere tutti questi “noi” e cambiarli in “tu”, “per te”, “tuoi”.
  • Mood positivo: l’uso di parole come “happy”, “win”, “awesome”, “grow” subito trasmette grande positività. Lavorare in un ambiente positivo e stimolante è il sogno di chiunque.
  • Uso strategico del “We”: anche Percolate utilizza la prima persona plurale, ma lo fa in modo intelligente. Nel box “Your set-up” è l’azienda a parlare (“We’re happy”); nel box “Wins” a farlo è il gruppo (“We get together”). Questa sapiente alternanza di voce aziendale e voce collettiva stempera il clima istituzionale che si trova in pagine come questa.

Al lavoro!

Il mio lavoro di analisi è finito. Ti è piaciuta questa pagina Jobs?

Se sei un brand, ti consiglio di rivedere le tue pagine istituzionali e seguire l’esempio di Percolate. Quindi, ricapitolando:

  • Evita l’uso di “noi”, “nostro”, “nostri” et similia.
  • Cerca di non parlare troppo di te. I testi delle tue pagine devono essere pensati per avviare una conversazione con i tuoi potenziali clienti. Ricorda che i monologhi non permettono di farlo.
  • Utilizza immagini autentiche, che mostrino l’essenza della tua azienda. Le foto stock non parlano di te come farebbe uno scatto autentico.
  • Cura anche il più piccolo testo. Il copywriting può fare la differenza solo se gli dai il peso che merita.

Se invece sei un copywriter, cerca di consigliare al meglio i tuoi clienti: semplicità, schiettezza, autenticità. Ricordi? :-)

  • Paolo FABRIZIO

    Brava Valentina; hai scelto un ottimo “case study” nel quale chiarezza, empatia ed efficacia vanno di pari passo e conferiscono al Brand una voce forte ed univoca.

    • pennamontata

      Ciao Paolo,
      felice che questo caso ti piaccia e felice di aver condiviso qualcosa di utile e interessante. Speriamo che i brand in “lettura” imparino qualcosa da Percolate :)