Libro senza immagini per bambini

Copywriting senza immagini: te lo immagini su un libro per bambini?

ottobre 27th, 2014 Posted by Copywriting No Comment yet

Io un libro per bambini me lo sono sempre immaginato pieno di illustrazioni. O, almeno, da piccola per me i libri dovevano essere così: con tante figure. Non mi piacevano quelli senza immagini così come non mi piacevano quelli con poco testo (“finivano” subito).

In realtà quando ancora non sapevo leggere, e quindi quello che più m’importava era la favola di per sé, non il supporto su cui questa era impressa, avevo mio padre e mia madre. Loro erano i miei (audio)libri preferiti. Soprattutto mio padre. Con lui passavo meno tempo durante il giorno e la sera, la sera amavo ascoltare le sue storie. La sua voce mi dipingeva immagini in testa e il libro era dentro di me. Ogni frase, una nuova riga di testo. Ogni frase, una nuova illustrazione che solo io potevo vedere.

Questa dinamica favola-genitore/genitore-figlio l’ha compresa a fondo B.J. Novak, attore e da poco autore di un libro per bambini. Un libro per bambini senza immagini: “The Book With No Pictures”.

Ma un libro per bambini senza immagini non è noioso?

Prima obiezione che chiunque muoverebbe verso l’autore di “The Book With No Pictures”. Già il titolo pare poco invitante (d’altronde più che un titolo è una specifica, un meta titolo); che diranno i bambini quando si troveranno di fronte per davvero un “libro senza immagini”?

Novak, dalle primissime pagine, ti fa capire che la tua obiezione se l’aspettava.
Libro senza immagini

libro_senza_immagini_2

E tu capisci subito che questo libro non sarà noioso, non appena l’autore ti rivela che “tutto quello che è scritto nel libro, la persona lo dovrà leggere”. E da qui in poi inizia il divertimento.

Libro senza immagini

Da qui in poi è tutto un’onomatopea, un susseguirsi di suoni divertenti, di nomignoli ironici e di scenette da interpretare senza vergogna. Guarda tu stesso il video di presentazione del libro.

Perché “The Book With No Pictures” è un’idea vincente

Il libro di Novak è geniale. Ammettilo: è geniale. C’è poco altro da dire.
Io credo che sia un’idea vincente per questi motivi:

  • rende il genitore protagonista del libro;
  • trasforma il libro in uno strumento di comunicazione vera tra genitore e figlio;
  • non è mai uguale a se stesso. Una storia resta sempre una storia; questo libro, non essendo un libro ma una sorta di “copione”, cambia ogni volta in base a chi gli darà voce;
  • per tutte le ragioni di cui sopra, non sarà mai un libro noioso.

Non è il copywriting – per quanto se ne possa pensare – il solo e unico protagonista di “The Book With No Picture”; il vero protagonista è chi lo andrà a leggere ad alta voce ai propri figli.

Allora, adesso che lo conosci anche tu: che ne pensi di questo libro tutto-testo-niente-immagini? Io spero arrivi presto in Italia.